La mostra - Hugo Pratt • Da Genova ai Mari del Sud
7557
page-template,page-template-full-width,page-template-full-width-php,page,page-id-7557,eltd-core-1.3.1,mostra pratt-ver-1.9,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,eltd-mimic-ajax,eltd-grid-1200,eltd-blog-installed,eltd-main-style1,eltd-header-standard,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-menu-item-first-level-bg-color,eltd-dropdown-default,eltd-,eltd-header-standard-disable-transparency,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.2,vc_responsive

La Mostra

Corto Maltese è “nato” a Genova. Eppure mai prima d’ora la sua città lo aveva omaggiato. E così si va dove tutto è iniziato. Si approda a Palazzo Ducale, nello spazio del Sottoporticato, per la mostra dedicata a Genova e ai Mari del Sud che hanno reso Corto Maltese un’icona del viaggio, della libertà e del rispetto delle culture incontrate.

L’esposizione presenta oltre 200 pezzi originali tra tavole e acquerelli, accompagnati da un’originale multivisione, sorta di “Lanterna” per non perdere la rotta e immergersi nelle storie dell’avventuriero più amato in Italia e non solo.

Era il luglio del 1967 quando in edicola usciva una nuova rivista di fumetti. Si chiamava Sgt. Kirk, costava 500 lire e raccoglieva alcune delle più belle strisce create da Hugo Pratt nel periodo argentino. L’editore era il genovese Florenzo Ivaldi e aveva per Pratt una grande ammirazione. Oltre alla storia di Sgt. Kirk, la rivista di Ivaldi pubblicava una nuova avventura inedita: Una ballata del mare salato.

Per questo è sembrato giusto dare al catalogo della mostra le sembianze di un immaginario nuovo numero di Sgt. Kirk e, per fare un omaggio ai tanti collezionisti e appassionati di questo variegato “Mondo Pratt”, si è deciso di pubblicare una storia inedita per l’Europa, grazie ai collezionisti argentini Guillermo Parker e Aldo Pravia: La giustizia di Wahtee, pubblicata su Super Misterix nel maggio del 1955.

In mostra anche le rare tavole del periodo argentino oltre all’immaginario prattiano in toto: donne seducenti, indiani, boschi e praterie delle indimenticabili atmosfere di Wheeling e Ticonderoga oltre all’Africa de Gli Scorpioni del deserto e In un cielo lontano, dalle Etiopiche alla alchemica Venezia.

E infine una sorpresa inedita: l’installazione della performance di Hugo Pratt per la fotografa Elisabetta Catalano.

Pronti a salpare! Muniti di un’audioguida d’eccezione grazie alla partecipazione dello scrittore Marco Steiner, amico e collaboratore di Pratt, che conduce il visitatore in un viaggio tra letteratura, storia e finzione letteraria.

L’esposizione è promossa e organizzata da Fondazione Palazzo Ducale per la Cultura e CMS.Cultura in collaborazione con CONG – Hugo Pratt Art Properties e curata da Patrizia Zanotti, direttore di CONG e responsabile dell’opera editoriale di Pratt, la sola donna al mondo che il marinaio Corto Maltese non potrà mai lasciare.

Sede

Palazzo Ducale di Genova
Piazza Matteotti, 9 – Cap: 16123
Genova

Orari mostra

Lunedì: 14.00 – 19.00
Martedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica: 10.00 – 19.00
Venerdì: 10.00 – 21.00

Ultimo ingresso un’ora prima della
chiusura

Biglietti

Intero: € 14,00 audioguida inclusa
Ridotto: € 12,00 audioguida inclusa
Ridotto gruppi: € 10,00
Ridotto scuole: € 6,00
Scopri tutte le tariffe per singoli, gruppi e scuole cliccando qui

Acquista il biglietto

Acquista il biglietto per accedere alla mostra

ACQUISTA ORA